Il futuro di Rocco? La carriera diplomatica a New York

Ha cominciato da qualche giorno il suo percorso universitario in Giurisprudenza e grazie alle esperienze vissute con CWMUN New York ed Emirates il diciannovenne Rocco Pignataro ha già le idee chiare su cosa vuole dal futuro.

«Grazie a queste esperienze ho capito che la mia strada è quella della carriera diplomatica – dice subito Rocco – I due progetti sono molto diversi tra loro – aggiunge – quello negli Emirati sicuramente è più esotico per la località, mentre quello di New York è più affascinante per il fatto stesso di trovarsi in America e di poter entrare nel palazzo di vetro, uno dei posti più importanti quando si parla di geopolitica e politica internazionale».

A distanza di pochi mesi Rocco, che ha avuto la menzione d’onore a New York, dove rappresentava gli Emirati Arabi, li ha vissuti entrambi. «Ho deciso di rimettermi alla prova perché volevo provare un’esperienza simile a quella di New York e la località orientale mi affascinava particolarmente. Gli aspetti positivi sono molti simili: trovarsi all’interno di una simulazione con persone che vengono da tutte le parti del mondo, la possibilità di mettersi alla prova e sperimentare le proprie capacità di public speaking e di saper trovare soluzioni».

Nessun timore per Rocco. «Per New York ero molto motivato perché stavo andando ad affrontare un’esperienza totalmente nuova, ma anche per Emirates ero altrettanto motivato. A New York ho imparato a saper parlare di fronte a un pubblico ampio e variegato a livello di nazionalità, mentre a Dubai ho messo in pratica quello che avevo imparato dalla prima esperienza. Il momento più bello per la prima esperienza ovviamente è stato quello della premiazione, mentre ad Abu Dhabi e Dubai è stata senza dubbio la gita nel deserto».

Se dovesse fare le valigie e stabilirsi in una delle due location, comunque, Rocco sceglierebbe la caotica New York. «La adoro come città e so già che offre numerosi sbocchi nel mio campo».

Potrebbe anche interessarti